Home


logo_colore
Vuoi sostenere l'attività di A Buon Diritto?
Dona il tuo 5x1000
indicando il codice fiscale 97612350583

banner_x_link_italiarazzismo

bannerEvasioni



stopopglogo2

 


 

Contenuti extra

Adozione, ricerca delle origini, identità

1- Il racconto - Patrizia Conti 2- La ricerca degli adulti - Francesca Avon leggi tutto

Antiproibizionismo?
E perché no?

Youtube
Lavoro ai Fianchi
Playlist


Recensioni

IMMAGINE_LAVORO_AI_FIANCHIQuando_hanno_aperto_la_cella1 immagini_La_musica__leggera

slegami
burattino

Passaggio a livello

Le politiche economiche per l'Europa: ricominciare daccapo
Ubaldo Pacella
Le politiche economiche e monetarie dell’Unione europea hanno decisamente peggiorato la crisi economica nel vecchio continente. Una valutazione senza appello sulla quale sono unanimemente d’accordo, ed è un fatto eccezionale, tutti gli economisti e i centri studi. La scelta di un rigorismo occhiuto, inflessibile nell’applicazione di alcune direttive, soprattutto nei confronti dei paesi del sud Europa cela, nemmeno troppo, una visione dirigista, improntata ad una sfiducia e al tempo stesso una supponenza nei confronti di altre culture che non siano quelle germanofile.

Leggi tutto...

 

Presentazione del libro: "L'articolo 3. Primo Rapporto sullo stato dei diritti in Italia"
www.radioradicale.it

 

Da oggi in libreria il "Primo Rapporto sullo stato dei diritti in Italia"
Il primo rapporto periodico sullo stato di attuazione dei diritti fondamentali della persona e delle garanzie poste a protezione delle minoranze. Pensato per valutare e misurare il riconoscimento e l’attuazione dei diritti e delle garanzie correlati al pieno esercizio delle prerogative fondamentali della persona: dalla libertà personale alla libertà di movimento, dalla libertà religiosa alla libertà sessuale, alla libertà dalle discriminazioni e dalle violenze.
Tra i temi trattati, disabilità, omosessualità e diritti, il pluralismo religioso, minoranze, migrazioni e integrazioni, profughi e richiedenti asilo, giustizia e garanzie, libertà di espressione e informazione, dati sensibili, riservatezza e diritto all’oblio. E ancora: la tutela dei minori, l’istruzione e la mobilità sociale, la libertà femminile e l’autodeterminazione, il diritto alla salute e la libertà terapeutica, le garanzie del lavoro e quelle del reddito, la protezione dell’ambiente.
"Primo Rapporto sullo stato dei diritti in Italia"

 

L'Articolo3 - Rapporto sui diritti in Italia
L’articolo 3
Al Salone dell’Editoria Sociale (Roma 16-19 ottobre)
Primo Rapporto sullo stato dei diritti in Italia
Promosso da A Buon Diritto. Associazione per le libertà.

A cura di Stefano Anastasia, Valentina Calderone, Lorenzo Fanoli
Prefazione di Luigi Manconi
Roma, domenica 19 ottobre, ore 18.00

Salone dell’Editoria Sociale, Sala B, Porta Futuro (Testaccio), via Galvani 106
 Intervengono
Luigi Manconi, Antonio Marchesi, Stefano Rodotà, Ivan Scalfarotto
Modera Valentina Calderone
La tutela e l’effettività dei diritti umani non è affare esotico che riguarda lande e continenti lontani.
Al contrario, è bene partire da noi, prima di andare in giro per il mondo a predicarne il valore e l’urgenza. L’articolo 3 è un resoconto e un progetto politico. Il progetto politico della Costituzione repubblicana
e del principio d’uguaglianza scritto in nome della dignità e dei diritti di ogni essere umano
(dalla prefazione di Luigi Manconi).
Arriva il primo rapporto periodico sullo stato di attuazione dei diritti fondamentali della persona e delle garanzie poste a protezione delle minoranze. Pensato per valutare e misurare il riconoscimento e l’attuazione dei diritti e delle garanzie correlati al pieno esercizio delle prerogative fondamentali della persona: dalla libertà personale alla libertà di movimento, dalla libertà religiosa alla libertà sessuale, alla libertà dalle discriminazioni e dalle violenze.
Tra i temi trattati, disabilità, omosessualità e diritti, il pluralismo religioso, minoranze, migrazioni e integrazioni, profughi e richiedenti asilo, giustizia e garanzie, libertà di espressione e informazione, dati sensibili, riservatezza e diritto all’oblio. E ancora: la tutela dei minori, l’istruzione e la mobilità sociale, la libertà femminile e l’autodeterminazione, il diritto alla salute e la libertà terapeutica, le garanzie del lavoro e quelle del reddito, la protezione dell’ambiente.

Scritti di: Daniela Bauduin, Valentina Brinis, Valentina Calderone, Valeria Casciello, Angela Condello, Ulderico Daniele, Angela De Giorgio, Silvia Demma, Valeria Ferraris, Domenico Massano, Caterina Mazza, Ezio Menzione, Paolo Naso, Giovannna Pistorio, Federica Resta, Mauro Valeri. Contributi e approfondimenti di: Alessandro Leogrande, Eligio Resta.

 
Luigi Manconi
Questa mattina alle 3:40 ho ricevuto un sms da Cuba: Patrizia e Paolo Brusadelli mi scrivevano che il loro figlio, Giulio, 34 anni, era finalmente stato liberato. Il giovane uomo il 3 marzo scorso era stato arrestato perché trovato in possesso di 3,5 grammi di marijuana e condannato a 4 anni di carcere per "traffico". Brusadelli  soffre da quasi vent'anni di una grave sindrome maniaco-depressiva che, una volta recluso nel carcere di Santiago, è precipitata fino a ridurlo in uno stato catatonico. Dimagrito in maniera spaventosa,  da settimane si sottrae al cibo, alle cure, a qualunque comunicazione verbale.  Così che la sua stessa incolumità fisica è in grave pericolo. Questo ha fatto sì che un caso giudiziario si sia trasformato in una drammatica vicenda umanitaria. Grazie all'intelligente tenacia dei suoi genitori, dell'avvocato Grazia Volo, del sottosegretario agli Esteri Mario Giro,  di tutto il personale dell'ambasciata italiana a Cuba, e alla grande disponibilità dell'ambasciata cubana a Roma, la vicenda si è  infine conclusa positivamente. Ora c'è solo da augurarsi che Giulio Brusadelli possa rapidamente veder migliorare le proprie condizioni generali di salute.
 
 
 
 

PASSAGGIO A LIVELLO
Riforme: resistenze nobili e meno nobili
Ubaldo Pacella
La modifica dello status quo in politica e non solo, costituisce in Italia una novità davvero insopportabile per troppi noti. Il nostro è un Paese in cui tutto è apparentemente mobile e possibile, tranne operare modifiche reali: di fronte a queste c’è la granitica certezza che si salvino interessi, culture, resistenze trasversali nell’illuminante versione di Tomasi di Lampedusa.
Voglio essere esplicito in un’intricata ragnatela, molto apparente, costruita con un gioco di specchi dal vago sapore illuminista attraverso il quale rifulgono i principi teorici, mentre restano nascoste nell’ombra le motivazioni indicibili, o che comunque vanno celate al popolo minuto.

Leggi tutto...

 

 

Cannabis terapeutica, in Italia è ancora un diritto negato
Nel dossier presentato da Luigi Manconi le difficoltà dei pazienti a reperire farmaci a base di cannabis. Nel 2013 solo 60 persone hanno ottenuto l'autorizzazione ad importare questi farmaci. Pronto un disegno di legge per semplificare e agevolare i meccanismi per la produzione, importazione, prescrizione e dispensazione di farmaci a base di cannabis

Leggi tutto...

 

Il documentario “Terra di Transito” ha vinto il premio Terre Di Nessuno

Il documentario “Terra di Transito” prodotto dall'associazione A Buon Diritto e dall’Istituto Luce – Cinecittà con il patrocinio di Amnesty International, il sostegno di Open Society Fondation, la regia di Paolo Martino, ha ricevuto dalla giuria del Nuovo Cinema Aquila a Roma il premio Terre Di Nessuno, Ritratti Marginali. Queste le motivazioni: "per l’originalità del punto di vista con cui è stata trattata la realtà dei rifugiati politici provenienti dalle zone calde del medio oriente e dei paradossi burocratici europei in cui rimangono imbrigliati, riuscendo a restituire dignità alle comunità in fuga dalla guerra."
Il film verrà proiettato nuovamente a Roma, con la partecipazione di Moni Ovadia, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, giovedì 20 giugno alle ore 21, nella sede del MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo.

 

Terra di Transito Official trailer

 

PASSAGGIO A LIVELLO

Grilli, Masanielli & manganelli (mediatici)

Ubaldo Pacella
Sociologia politica in soccorso di un’immagine dell’Italia che muove alle lacrime molto più che al rimpianto.
Gli analisti e commentatori si sono soffermati, sino ad oggi, in iperboliche valutazioni sulle prossime elezioni europee, nonché sulle conseguenze che queste potranno produrre nei vari contesti nazionali. Per noi in un’Italia alla disperata ricerca di un filo cui aggrapparsi per evitare il naufragio.

Leggi tutto...

 

Il compito della politica e quello di una mamma
Luigi Manconi e Valentina Calderone
CONSIDERIAMO DUE FRASI DI PATRIZIA MORETTI, MADRE DI FEDERICO ALDROVANDI. La prima è di ieri: «Ora tocca alla politica». È proprio così. Patrizia Moretti, per nove anni, è stata parte civile in un processo, testimone pubblica di un dolore infinito, esigente interlocutore soggetti istituzionali, voce che raccontava una verità inconfutabile, immagine di un bisogno insaziabile di giustizia.

Leggi tutto...

 

PASSAGGIO A LIVELLO

Sinistrati unitevi
Pubblichiamo, come è costume del nostro sito, un contributo del nostro collaboratore Ubaldo Pacella, pure se dissentiamo.
Ubaldo  Pacella  
                                                                                                               

Sinistrati reduci di mille sconfitte politiche, unitevi!
Questo potrebbe essere lo slogan, con l’impudenza che è lecita talvolta al commentatore.
Non me ne vogliano i venti insigni senatori del Partito democratico che hanno apposto la loro firma ad un disegno di legge costituzionale di riforma del Senato.
Un drappello che innalza sgualciti drappi con un rosso d’antan mentre, al di là delle forme e dell’articolato giuridico, si fa portavoce e vessillo di un irrefrenabile conformismo tradizionalista e conservatore.

Leggi tutto...

 

ETEROLOGA LIBERA, L'ALBERO DELLA SCIENZA NON DA' LA FELICITA'
Luigi Manconi e Federica Resta
Ma la sentenza di ieri della Consulta sulla fecondazione eterologa è davvero – come scrive Nicoletta Tiliacos - una resa alla legge del desiderio (di genitorialità) e il segno di una subordinazione dell’umanità alla tecnoscienza? Ammettere la fecondazione con gameti esterni alla coppia significa effettivamente, per riprendere ancora Tiliacos, contrapporre l’egoismo tirannico del “diritto al figlio” al diritto del figlio alla certezza delle origini? E scardinare il valore della differenza sessuale e della certezza della filiazione da un uomo e una donna? Tentare di superare l’impossibilità biologica di procreare con il ricorso alla scienza equivale alla sconfitta del diritto rispetto al mercato e alla tecnica? Ovvero a un “travolgimento dell’aspetto generativo”, con il “rischio concreto di una deriva eugenetica” (così Riccardo Chieppa, intervistato su Avvenire)?

Leggi tutto...