Home a buon diritto

Il nostro ordinamento prevede come pene principali la reclusione e l’arresto, che consistono nella privazione della libertà per un determinato periodo di tempo. Ma tutto ciò che eccede i limiti fissati dalla Costituzione è da considerarsi fuori legge. Sia quando la pena risulti ingiustificata o sproporzionata rispetto all’entità del danno prodotto, sia quando la pena produca un’afflizione non prevista o si trasformi in un trattamento disumano o comunque offensivo della dignità della persona.

Da qui l’impegno affinché si mettano in atto meccanismi di controllo, capaci di intervenire su tutti i passaggi relativi alla sua applicazione nei confronti dei trasgressori della legge o dei presunti tali. Dall’atto del fermo fino a quello dell’esecuzione della pena. Dalle garanzie della difesa nel processo, a quelle del detenuto in carcere. Questo comporta la critica delle prassi e delle misure penali che appaiono contraddittorie rispetto al dettato costituzionale, alle leggi e ai regolamenti, come l’ergastolo ostativo, il ricorso immotivato all’isolamento o ad altri trattamenti punitivi, l’abuso dei regimi speciali.

E, su un altro piano, la vigilanza massima sui comportamenti delle forze di polizia nel servizio di ordine pubblico e nell’opera di controllo del territorio, nell’attività di custodia dei fermati così come nell’esercizio delle funzioni di polizia giudiziaria. Un’attenzione altrettanto sollecita va applicata alle altre forme di privazione o sospensione della libertà quali il trattamento sanitario obbligatorio e la detenzione amministrativa, attuata nei centri di identificazione e di espulsione, dei migranti.

Angelo Senza Dio

Angelo Senza Dio

"Angelo Senza Dio" di Carmelo Musumeci

 CreateSpace Independent Publishing Platform, Marzo 2017

dalla Prefazione di Agnese Moro

Scrive sempre bene Carmelo Musumeci, con un linguaggio capace di esprimere forti sentimenti e emozioni; dolore, rabbia, e speranze deluse. Mai superficiale. Mai

Continua a leggere

Forze di polizia e cittadini: quali evoluzioni?

Rocca, n. 20/2017

di Valentina Moro

A colloquio con il senatore Luigi Manconi, docente di Sociologia dei fenomeni politici

Chi si occupa in ambito accademico di violenza istituzionale, deve a Luigi Manconi una chiara concettualizzazione in termini sociologici degli aspetti più rilevanti del tema.

Continua a leggere

Daspo e sorveglianze speciali, Manconi: "Una legge per arginare la discrezionalità"

Daspo e sorveglianze speciali, Manconi:

Today.it, 30 novembre 2016

di Daniele Nalbone

Intervista a Luigi Manconi, senatore Pd e presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani: "E' il momento di una legge che definisca in maniera chiara le circostanze per l'applicazione delle misure di prevenzione"

Può una giustizia agire in

Continua a leggere

La piazza e il tribunale. Femminicidio, ergastolo e abusi delle politiche criminali

La piazza e il tribunale. Femminicidio, ergastolo e abusi delle politiche criminali

Le parole e le cose, 10 febbraio 2017

di Angela Condello e Valentina Calderone

Negli ultimi anni si assiste a una crescente confusione tra due luoghi simbolici, la piazza e il tribunale, che quasi sempre in epoca moderna sono stati separati. La piazza è il luogo delle passioni, del discorso

Continua a leggere

Ergastolo ostativo, il luogo comune del «fine pena»

Ergastolo ostativo, il luogo comune del «fine pena»

il manifesto, 07-09-2016
Luigi Manconi

Uno degli effetti del tumultuoso congresso del Partito radicale, tenutosi lo scorso fine settimana nel carcere romano di Rebibbia, è stato quello di illuminare – per quanto parzialmente e provvisoriamente – una questione cruciale. E sconosciuta ai più: quella

Continua a leggere

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV