Home a buon diritto

Notizie

Firenze: caso Magherini, confermate le condanne per i tre carabinieri

MagheriniRistretti Orizzonti, 20 ottobre 2017

di Luca Serranò

Omicidio colposo per i militari nei confronti del quarantenne che perse la vita a San Frediano nel 2014 durante un controllo: la corte di appello di Firenze ribadisce la sentenza di primo grado.

La corte di appello di Firenze ha confermato la sentenza di primo grado per la morte dell'ex calciatore Riccardo Magherini, con alcune significative differenze in favore delle parti civili. Al termine del processo di primo grado il giudice Barbara Bilosi aveva condannato per omicidio colposo tre carabinieri: Vincenzo Corni a otto mesi di reclusione, Stefano Castellano e Agostino Della Porta a sette mesi, assolvendo invece un quarto carabiniere, Davide Ascenzi, e le volontarie della Croce Rossa Claudia Matta e Janeta Mitrea. La corte di appello - composta da tre giudici donne, Luisa Romagnoli, Anna Favi e Paola Masi - ha confermato condanne e assoluzioni ma ha modificato le statuizioni in favore delle parti civili, stabilendo in particolare un risarcimento immediato di 100 mila euro in favore del bambino di Magherini e cifre cospicue anche in favore degli altri familiari. Inoltre la corte ha disposto la restituzione degli atti al pm perché proceda eventualmente per il reato di abuso di autorità contro arrestati o detenuti.

La notte del 3 marzo 2014 Riccardo Magherini, 40 anni non ancora compiuti, in preda a un delirio verosimilmente scatenato da assunzione di alcol e cocaina, credendo di essere inseguito e temendo di essere ucciso, dopo aver compiuto alcuni gesti inconsulti fu bloccato dai carabinieri, ammanettato e immobilizzato a terra a faccia in giù. Per qualche minuto invocò disperatamente aiuto, poi restò immobile e silenzioso, stroncato da un arresto cardio-respiratorio che fu riconosciuto troppo tardi, non dal primo equipaggio inviato dal 118 e composto da volontari, ma dall'automedica inviata in seconda istanza, quando ormai era troppo tardi.

 

da: repubblica.it

Pubblicato: Venerdì, 20 Ottobre 2017 12:41

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV