Home a buon diritto

Nel sistema di accoglienza italiano ci sono diversi tipi di centri, a seconda che si tratti della fase iniziale dell’accoglienza o di quella successiva. Eccoli elencati in ordine di cronologico rispetto all'arrivo di un profugo in Italia: CPSA (Centri di primo soccorso e Accoglienza), CDA (Centri di accoglienza), CARA (Centri di accoglienza per Richiedenti Asilo) e SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).

I Centri di Primo Soccorso e Accoglienza (CPSA) sono strutture istituite con Decreto interministeriale del 16 febbraio 2006 e sono dedicate all’accoglienza temporanea, mediamente 48 ore, dei richiedenti asilo.

I Centri di Accoglienza (CDA), istituiti con la Legge n. 563/95 ("Legge Puglia"), garantiscono una forma di prima assistenza dei richiedenti asilo, in attesa della definizione della loro condizione giuridica sul territorio italiano.

I CARA  sono stati istituiti con il D.Lgs. n. 25/08 con la finalità di accogliere i richiedenti protezione internazionale nei casi previsti dall’art. 20: ovvero quando è necessario verificare o determinare la nazionalità o l’identità del richiedente asilo; oppure nel caso in cui la persona ha presentato domanda di protezione dopo essere stata fermata per aver eluso o tentato di eludere il controllo di frontiera o subito dopo. La terza situazione per cui è prevista l’accoglienza al CARA riguarda un richiedente asilo che ha presentato la domanda dopo essere stato fermato in condizioni di soggiorno irregolare. I tre casi rimandano a differenti tempi di accoglienza, che dovrebbero andare da un minimo di 20 giorni (prima situazione) a un massimo di 35 per chi si trova nelle altre due circostanze. Allo scadere dei termini predetti il richiedente ha diritto al rilascio di un permesso di soggiorno di durata trimestrale, rinnovabile sino alla decisione della domanda.

Lo SPRAR è il sistema di protezione e accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati diffuso su tutto il territorio nazionale, e previsto con Legge n. 189/2002. È costituito dalla rete degli enti locali che  accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo. L’accoglienza messa a disposizione è di tipo integrato, nel senso che non si limita a garantire il vitto e l’alloggio ma, nei progetti diffusi su tutto il territorio nazionale, sono previste misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. La capacità ricettiva dello SPRAR nel triennio 2014-2016 a 16.000 posti, come previsto dal decreto 17 settembre 2013 del ministero dell’Interno, Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, in attuazione del decreto del ministro dell’Interno del 30 luglio 2013.

 

Accoglienza, tutto quello che l'Italia può già fare

Accoglienza, tutto quello che l'Italia può già fare

Avvenire, 08-09-2015
Luigi Manconi *

Rapidità nell'asilo, reinsediamenti e visti a distanza...

Caro direttore,
nelle ultime settimane lo scenario europeo in materia di immigrazione e asilo appare profondamente mutato. Alcuni fatti di cronaca – i settantuno corpi senza vita nel camion frigorifero e la

Continua a leggere

Perché quando parliamo di accoglienza e libera circolazione pensiamo a tutti e (prima di tutto) anche agli italiani

Perché quando parliamo di accoglienza e libera circolazione pensiamo a tutti e (prima di tutto) anche agli italiani

08-09-2015
Lorenzo Fanoli

Non so se la foto di Aylan Kurdy sulla spiaggia di Bodrum, la svolta politica della cancelliera Merkel che , sia pur provvisoriamente, ha messo in mora il regolamento di Dublino sui rifugiati, le catene umane di auto e autobus tra Austria e Ungheria, gli applausi dei

Continua a leggere

Aiutateci a non diventare razzisti

Aiutateci a non diventare razzisti

Internazionale, 18-07-2015

di Luigi Manconi

Tra le molte parole dette e scritte e urlate che accompagnano i piccoli tumulti di Quinto di Treviso e di Casale San Nicola, a Roma, due frasi si impongono e si inseguono in una apparente violenta contraddizione. La prima: fuori gli immigrati. La seconda:

Continua a leggere

Il razzismo istituzionale nel suo piccolo

Il razzismo istituzionale nel suo piccolo

di Federica Resta e Luigi Manconi

Quando Roberto Maroni annuncia di voler privare di risorse i Comuni lombardi che accolgano immigrati, sa di poter contare su un clima diffuso di “xenofobia localistica” (o “localismo xenofobo”). Quello espresso dalle ordinanze di molti sindaci nell’esercizio dei

Continua a leggere

I buchi neri di Alfano

I buchi neri di Alfano

il manifesto, 19-06-2015
Luigi Manconi, Valentina Brinis

Per velocizzare i rimpatri il ministro dellinterno ripropone il trattamento dei migranti. Ma dimentica il fallimento e le illegalità dei Cie nel passato

In questi giorni riemerge con forza il tema dei centri di identificazione e di espulsione

Continua a leggere

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV