Home a buon diritto

Nel sistema di accoglienza italiano ci sono diversi tipi di centri, a seconda che si tratti della fase iniziale dell’accoglienza o di quella successiva. Eccoli elencati in ordine di cronologico rispetto all'arrivo di un profugo in Italia: CPSA (Centri di primo soccorso e Accoglienza), CDA (Centri di accoglienza), CARA (Centri di accoglienza per Richiedenti Asilo) e SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).

I Centri di Primo Soccorso e Accoglienza (CPSA) sono strutture istituite con Decreto interministeriale del 16 febbraio 2006 e sono dedicate all’accoglienza temporanea, mediamente 48 ore, dei richiedenti asilo.

I Centri di Accoglienza (CDA), istituiti con la Legge n. 563/95 ("Legge Puglia"), garantiscono una forma di prima assistenza dei richiedenti asilo, in attesa della definizione della loro condizione giuridica sul territorio italiano.

I CARA  sono stati istituiti con il D.Lgs. n. 25/08 con la finalità di accogliere i richiedenti protezione internazionale nei casi previsti dall’art. 20: ovvero quando è necessario verificare o determinare la nazionalità o l’identità del richiedente asilo; oppure nel caso in cui la persona ha presentato domanda di protezione dopo essere stata fermata per aver eluso o tentato di eludere il controllo di frontiera o subito dopo. La terza situazione per cui è prevista l’accoglienza al CARA riguarda un richiedente asilo che ha presentato la domanda dopo essere stato fermato in condizioni di soggiorno irregolare. I tre casi rimandano a differenti tempi di accoglienza, che dovrebbero andare da un minimo di 20 giorni (prima situazione) a un massimo di 35 per chi si trova nelle altre due circostanze. Allo scadere dei termini predetti il richiedente ha diritto al rilascio di un permesso di soggiorno di durata trimestrale, rinnovabile sino alla decisione della domanda.

Lo SPRAR è il sistema di protezione e accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati diffuso su tutto il territorio nazionale, e previsto con Legge n. 189/2002. È costituito dalla rete degli enti locali che  accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo. L’accoglienza messa a disposizione è di tipo integrato, nel senso che non si limita a garantire il vitto e l’alloggio ma, nei progetti diffusi su tutto il territorio nazionale, sono previste misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. La capacità ricettiva dello SPRAR nel triennio 2014-2016 a 16.000 posti, come previsto dal decreto 17 settembre 2013 del ministero dell’Interno, Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, in attuazione del decreto del ministro dell’Interno del 30 luglio 2013.

 

Accoglierli tutti non è un'utopia

Accoglierli tutti non è un'utopia

Il Manifesto, 2 giugno 2016

Luigi Manconi, Valentina Brinis

E se avesse ragione Monsignor Nunzio Galantino, Segretario della Conferenza Episcopale Italiana? I progetti da lui tratteggiati nell’intervista di ieri a Repubblica, rivelano una lungimiranza tale da proporli come concretamente

Continua a leggere

Welcoming, storie di accoglienza

Welcoming, storie di accoglienza

Huffington Post, 31-03-2016
Valentina Brinis

Da qualche anno mi occupo di immigrazione. Lo faccio in vari modi e rivestendo ruoli diversi: dall'operatrice sociale alla ricercatrice fino alla militante politica. Il tema è sempre lo stesso ma cambia il punto di vista e ciò che ne viene messo in

Continua a leggere

Baobab, la sua chiusura non risolve il problema dei migranti che transitano a Roma

Baobab, la sua chiusura non risolve il problema dei migranti che transitano a Roma

la Repubblica.it, 04-12-2015

Quello che preoccupa il Consiglio Italiano per i Rifugiati e l'Associazione A Buon Diritto è come e attraverso quale struttura si potrà riempire il vuoto lasciato dal Centro Baobab e dai suoi volontari. "Ci domandiamo cosa succederà a quanti arriveranno da venerdì in

Continua a leggere

Migranti, sgomberato il Baobab

il manifesto, 4-12-2015
Valentina Brinis, Valentina Calderone

Mentre state leggendo questo articolo, è molto probabile che siano in corso le operazioni per chiudere definitivamente il centro Baobab.

Negli ultimi mesi, esattamente dal giugno scorso, il Baobab è diventato un vero e proprio punto di

Continua a leggere

L'umanità riparte dalla stazione

L'umanità riparte dalla stazione

 Alto Adige, 30-09-2015

Luigi Manconi
Presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani del Senato

Il 3 ottobre dello scorso anno, si è tenuta a Lampedusa una significativa manifestazione in ricordo delle oltre 366 vittime del drammatico naufragio avvenuto dodici mesi prima in quel

Continua a leggere

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV