Home a buon diritto

Nel sistema di accoglienza italiano ci sono diversi tipi di centri, a seconda che si tratti della fase iniziale dell’accoglienza o di quella successiva. Eccoli elencati in ordine di cronologico rispetto all'arrivo di un profugo in Italia: CPSA (Centri di primo soccorso e Accoglienza), CDA (Centri di accoglienza), CARA (Centri di accoglienza per Richiedenti Asilo) e SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).

I Centri di Primo Soccorso e Accoglienza (CPSA) sono strutture istituite con Decreto interministeriale del 16 febbraio 2006 e sono dedicate all’accoglienza temporanea, mediamente 48 ore, dei richiedenti asilo.

I Centri di Accoglienza (CDA), istituiti con la Legge n. 563/95 ("Legge Puglia"), garantiscono una forma di prima assistenza dei richiedenti asilo, in attesa della definizione della loro condizione giuridica sul territorio italiano.

I CARA  sono stati istituiti con il D.Lgs. n. 25/08 con la finalità di accogliere i richiedenti protezione internazionale nei casi previsti dall’art. 20: ovvero quando è necessario verificare o determinare la nazionalità o l’identità del richiedente asilo; oppure nel caso in cui la persona ha presentato domanda di protezione dopo essere stata fermata per aver eluso o tentato di eludere il controllo di frontiera o subito dopo. La terza situazione per cui è prevista l’accoglienza al CARA riguarda un richiedente asilo che ha presentato la domanda dopo essere stato fermato in condizioni di soggiorno irregolare. I tre casi rimandano a differenti tempi di accoglienza, che dovrebbero andare da un minimo di 20 giorni (prima situazione) a un massimo di 35 per chi si trova nelle altre due circostanze. Allo scadere dei termini predetti il richiedente ha diritto al rilascio di un permesso di soggiorno di durata trimestrale, rinnovabile sino alla decisione della domanda.

Lo SPRAR è il sistema di protezione e accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati diffuso su tutto il territorio nazionale, e previsto con Legge n. 189/2002. È costituito dalla rete degli enti locali che  accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo. L’accoglienza messa a disposizione è di tipo integrato, nel senso che non si limita a garantire il vitto e l’alloggio ma, nei progetti diffusi su tutto il territorio nazionale, sono previste misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. La capacità ricettiva dello SPRAR nel triennio 2014-2016 a 16.000 posti, come previsto dal decreto 17 settembre 2013 del ministero dell’Interno, Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, in attuazione del decreto del ministro dell’Interno del 30 luglio 2013.

 

La Campagna Ero straniero compie un anno

La Campagna Ero straniero compie un anno

I promotori rilanciano i contenuti della proposta di legge di iniziativa popolare

Esattamente un anno fa, il 27 ottobre 2017, abbiamo consegnato al Parlamento le 90.000 firme raccolte con la campagna “Ero straniero - L’umanità che fa bene” su una proposta di legge d'iniziativa popolare per cambiare

Continua a leggere

Sullo sgombero di via Raffaele Costi

Sullo sgombero di via Raffaele Costi

A Buon Diritto, 11 settembre 2018

In questi giorni gli operatori di A Buon Diritto hanno seguito attentamente le vicende dello sgombero dell'edificio di via Costi, dove più di un centinaio di persone erano costrette a vivere in condizioni indecorose tra rifiuti e sporcizia. La struttura era abitata

Continua a leggere

Sostieni l’Ungheria per un’Europa che accoglie!

Sostieni l’Ungheria per un’Europa che accoglie!

Sostieni l’Ungheria per un’Europa che accoglie!

Il 20 giugno, proprio nella Giornata Mondiale del Rifugiato, il Parlamento ungherese ha approvato un pacchetto di leggi che consente di incriminare individui e Ong che aiutano i migranti in stato di bisogno. Con questa lettera aperta, le organizzazioni

Continua a leggere

Conferenza stampa: teniamo i porti aperti

Conferenza stampa: teniamo i porti aperti

A BUON DIRITTO, ARCI, ASGI, GIURISTI DEMOCRATICI

CONFERENZA STAMPA

Roma, martedì 26 giugno, ore 11,

sala della Stampa romana, via della Torretta 36

 

La vicenda delle 629 persone tenute in ostaggio sull’Acquarius, così come quelle della Nave USA Trenton, con 41 naufraghi a bordo e 12 persone

Continua a leggere

In difesa degli avvocati

In difesa degli avvocati

14 giugno 2018

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, in un’intervista pubblicata martedì sul Corriere della Sera e riferendo al Senato della vicenda della nave Aquarius, ha menzionato un presunto business degli avvocati d’ufficio nei ricorsi presentati per il riconoscimento della protezione

Continua a leggere

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV