Home a buon diritto

Italia - Razzismo

Fondo di solidarietà per la tutela contro le discriminazioni - #PUOIDIFENDERTI

Unar10 dicembre 2014

Marco De Giorgi

E' istitutito il Fondo di solidarietà per la tutela giurisdizionale delle vittime della discriminazione, destinato alla anticipazione delle spese legali per procedimenti giurisdizionali o amministrativi intrapresi dalle persone che si ritengono lese da condotte discriminatorie. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell'Unar http://www.unar.it/unar/portal/?lang=it)

Carissimi,
sono contento di comunicare che è divenuto operativo l'accordo siglato fra il Dipartimento per le Pari Opportunità, UNAR e Consiglio Nazionale Forense, organismo di rappresentanza istituzionale dell'avvocatura, che prevede l'istituzione di un Fondo di solidarietà per la tutela giurisdizionale delle vittime della discriminazione, presentato lo scorso 7 novembre a Roma in occasione delle iniziative del Semestre europeo collegate all'Equality Summit.
Il Fondo è destinato alla anticipazione delle spese legali per procedimenti giurisdizionali o amministrativi intrapresi dalle persone che si ritengono lese da condotte discriminatorie.

Il Fondo, che opera attraverso un meccanismo rotativo di anticipazione e di restituzione delle somme, intende fornire un supporto concreto alle vittime per facilitarne l'accesso alla tutela giurisdizionale, qualora non ricorrano i presupposti per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato.
In tal senso, il ruolo delle associazioni ed enti iscritte al Registro Unar assume una particolare importanza: grazie al lavoro quotidiano svolto sul territorio le associazioni hanno la possibilità di entrare in contatto diretto con le potenziali vittime di discriminazioni e quindi poter indicare a quest’ultime la possibilità di accesso al Fondo.

A tal fine si precisa la tipologia dei soggetti che possono accedere all’anticipazione delle spese legali :
· le vittime di discriminazioni per motivi di razza o origine etnica, religione, convinzioni personali, età, disabilità, orientamento sessuale e identità di genere, a condizione che non usufruiscano del patrocinio a spese dello Stato;
· le associazioni di settore legittimate a stare in giudizio in rappresentanza delle vittime, ai sensi dell’art. 5 del Dlgs n. 215/03;
· le Organizzazioni sindacali, Associazioni e Organizzazioni rappresentative del diritto o dell’interesse leso ai sensi dell’art. 5 del Dlgs n. 216/03.

La domanda va presentata al gestore del Fondo, il Consiglio Nazionale Forense.
In previsione della prima riunione del Comitato di gestione previsto dall'accordo di collaborazione con il Consiglio Nazionale Forense - presumibilmente per il 17 dicembre- finalizzata alla predisposizione delle istruttorie delle prime richieste di accesso al Fondo, vi chiediamo di segnalarci eventuali casi di discriminazione, di vostra pertinenza, che potrebbero usufruire di tale opportunità.
In tal caso vi chiediamo di segnalarci eventuali casi, entro e non oltre le ore 12.00 del 16 dicembre 2014, a questo indirizzo mail e, allo stesso tempo, con le modalita indicate dall'art 8 del Regolamento.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito www.unar.it., dove è disponibile una brochure informativa e il Regolamento del Fondo.
Per i facsimile di domanda di ammissione al Fondo e di dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, si rimanda invece al sito del Consiglio Nazionale Forense www.consiglionazionaleforense.it
Mi auguro che l'iniziativa possa aiutarci nel rendere sempre più effettiva la normativa antodiscriminatoria a tutela dei diritti delle persone .

Un cordiale saluto.
cons Marco De Giorgi

Pubblicato: Giovedì, 11 Dicembre 2014 13:13

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV