Home a buon diritto

Eventi

Morte di Aldo Bianzino: nuove evidenze medico legali e riapertura del processo

Aldo Bianzino

Conferenza stampa – Sala Nassirya Senato della Repubblica

Giovedì 17 maggio ore 12.30

La vicenda di Aldo Bianzino, morto in circostanze non ancora chiarite il 14 ottobre 2007 nel carcere di Perugia Capanne, dopo 48 dal suo arresto, potrebbe essere finalmente a una svolta. Nel corso di questi 11 anni, i processi che si sono susseguiti hanno portato alla condanna definitiva di un agente di polizia penitenziaria per omissione di soccorso e all’archiviazione del procedimento per omicidio volontario a carico di ignoti, in quanto la causa della morte sarebbe stata ricondotta alla rottura di un aneurisma cerebrale.

La presenza dell’aneurisma è però dubbia, e nuove evidenze restituiscono una datazione delle lesioni incompatibile con le conclusioni medico legali dei consulenti della Procura. Questa motivazione, insieme a nuove perizie medico legali autorizzate dal GIP- i cui esiti saranno resi pubblici durante la conferenza stampa- hanno portato il figlio di Aldo Bianzino a depositare il 28 aprile, presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Perugia, la richiesta di riapertura del procedimento per omicidio volontario a carico di ignoti.

Interverranno alla conferenza stampa:

Rudra Bianzino – figlio di Aldo Bianzino

Avv. Massimo Zaganelli e Avv. Cinzia Corbelli – legali di Bianzino

On. Dott. Luigi Gaetti e Dott. Antonio Scalzo – consulenti medici di Bianzino

Sen. Luigi Zanda e Sen. Luigi Manconi

Valentina Calderone – associazione A Buon Diritto

Per partecipare occorre accreditarsi scrivendo a: abuondiritto@abuondiritto.it o telefonando allo 06.85356796. Per accrediti stampa: accrediti.stampa@senato.it, 066706 3451.

Le opinioni e i contenuti espressi nell'ambito dell'iniziativa sono nell'esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo.

L'accesso alla sala - con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta - è consentito fino al raggiungimento della capienza massima

Pubblicato: Martedì, 15 Maggio 2018 16:31

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV