Home a buon diritto

Antiproibizionismo

I Radicali rilanciano la battaglia antiproibizionista: "Un seme di cannabis in regalo"

radical cannabis clubLa Repubblica, 30 gennaio 2017

di Monica Rubino

Nasce il "Radical cannabis club", la nuova iniziativa per spingere il Parlamento a discutere la legge di iniziativa popolare per la legalizzazione delle droghe leggere presentata alla Camera a novembre scorso

ROMA - Nasce il "Radical Cannabis Club", la nuova campagna antiproibizionista di Radicali Italiani per la cannabis legale. Aderire costa dieci euro e la tessera riservata agli iscritti contiene una sorpresa: un seme di cannabis. "Regaliamo un seme di libertà, con l'auspicio che tra un anno piantarlo non sia più reato", spiega il segretario Riccardo Magi. Oggi infatti possedere, regalare, cedere, spedire e vendere semi di cannabis non è illegale. Mettere un seme in un vaso, innaffiarlo e coltivare una pianta invece è punibile con pena della reclusione da due a sei anni e con una multa da 5.164 a 77.468 euro.
 
Una provocazione, quella dei Radicali, che punta a "fare pressione sul Parlamento affinché riprenda e porti avanti velocemente la discussione sulla cannabis legale" continua Magi. A novembre i Radicali hanno infatti presentato alla Camera la loro legge di iniziativa popolare per legalizzare la cannabis e decriminalizzare l'uso di tutte le altre sostanze. "Ora dobbiamo lavorare perché quella proposta diventi legge", ribadisce.
 
I Radicali ricordano poi che mentre dagli Stati uniti arrivano notizie sulla diminuzione dei consumi di cannabis tra i giovani dopo la legalizzazione, in Italia si confermano tutti i danni delle politiche proibizioniste. "Politiche che non hanno minimamente scalfito un mercato di dimensioni abnormi, circa 6,1 milioni di consumatori, che hanno arricchito le narcomafie, criminalizzato i cittadini, riempito le carceri, intasato i tribunali e, soprattutto, hanno esposto i minori ai pericoli del contatto con la malavita", spiega la presidente Antonella Soldo, ricordando che "anche i minori possono diventare soci del Radical Cannabis Club: la tessera junior costa 5 euro".
 
E proprio alle scuole guardano gli eredi di Marco Pannella, che per primo inaugurò la lotta antiproibizionista 40 anni fa. "Sempre più spesso i ragazzi ci invitano a parlare di antiproibizionismo - conclude Magi - sulle droghe, come sull'immigrazione, girano un sacco di bufale. Si tratta di questioni sociali enormi, che non vanno date in pasto ai populismi, ma governate con politiche ragionevoli ed efficaci. Legalizzare la cannabis, oggi è soltanto una scelta di buon senso".  

Pubblicato: Lunedì, 30 Gennaio 2017 15:11

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV