Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Home a buon diritto

Il nostro ordinamento prevede come pene principali la reclusione e l’arresto, che consistono nella privazione della libertà per un determinato periodo di tempo. Ma tutto ciò che eccede i limiti fissati dalla Costituzione è da considerarsi fuori legge. Sia quando la pena risulti ingiustificata o sproporzionata rispetto all’entità del danno prodotto, sia quando la pena produca un’afflizione non prevista o si trasformi in un trattamento disumano o comunque offensivo della dignità della persona.

Da qui l’impegno affinché si mettano in atto meccanismi di controllo, capaci di intervenire su tutti i passaggi relativi alla sua applicazione nei confronti dei trasgressori della legge o dei presunti tali. Dall’atto del fermo fino a quello dell’esecuzione della pena. Dalle garanzie della difesa nel processo, a quelle del detenuto in carcere. Questo comporta la critica delle prassi e delle misure penali che appaiono contraddittorie rispetto al dettato costituzionale, alle leggi e ai regolamenti, come l’ergastolo ostativo, il ricorso immotivato all’isolamento o ad altri trattamenti punitivi, l’abuso dei regimi speciali.

E, su un altro piano, la vigilanza massima sui comportamenti delle forze di polizia nel servizio di ordine pubblico e nell’opera di controllo del territorio, nell’attività di custodia dei fermati così come nell’esercizio delle funzioni di polizia giudiziaria. Un’attenzione altrettanto sollecita va applicata alle altre forme di privazione o sospensione della libertà quali il trattamento sanitario obbligatorio e la detenzione amministrativa, attuata nei centri di identificazione e di espulsione, dei migranti.

Forze di polizia e cittadini: quali evoluzioni?

Rocca, n. 20/2017

di Valentina Moro

A colloquio con il senatore Luigi Manconi, docente di Sociologia dei fenomeni politici

Chi si occupa in ambito accademico di violenza istituzionale, deve a Luigi Manconi una chiara concettualizzazione in termini sociologici degli aspetti più rilevanti del tema.

Continua a leggere

La piazza e il tribunale. Femminicidio, ergastolo e abusi delle politiche criminali

La piazza e il tribunale. Femminicidio, ergastolo e abusi delle politiche criminali

Le parole e le cose, 10 febbraio 2017

di Angela Condello e Valentina Calderone

Negli ultimi anni si assiste a una crescente confusione tra due luoghi simbolici, la piazza e il tribunale, che quasi sempre in epoca moderna sono stati separati. La piazza è il luogo delle passioni, del discorso

Continua a leggere

Ergastolo ostativo, il luogo comune del «fine pena»

Ergastolo ostativo, il luogo comune del «fine pena»

il manifesto, 07-09-2016
Luigi Manconi

Uno degli effetti del tumultuoso congresso del Partito radicale, tenutosi lo scorso fine settimana nel carcere romano di Rebibbia, è stato quello di illuminare – per quanto parzialmente e provvisoriamente – una questione cruciale. E sconosciuta ai più: quella

Continua a leggere

Daspo e sorveglianze speciali, Manconi: "Una legge per arginare la discrezionalità"

Daspo e sorveglianze speciali, Manconi:

Today.it, 30 novembre 2016

di Daniele Nalbone

Intervista a Luigi Manconi, senatore Pd e presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani: "E' il momento di una legge che definisca in maniera chiara le circostanze per l'applicazione delle misure di prevenzione"

Può una giustizia agire in

Continua a leggere

La “sfortunata” storia del signor Nocco e del suo “incontro” con due funzionari di Pubblica Sicurezza e di ciò che ne è conseguito con la Giustizia Italiana.

La “sfortunata” storia del signor Nocco e del suo “incontro” con due funzionari di Pubblica Sicurezza e di ciò che ne è conseguito con la Giustizia Italiana.

26 luglio 2016

A Buon Diritto

Tutto è cominciato a Monopoli il 01 ottobre 2007, una mattina in cui il signor Nocco si accingeva a parcheggiare la sua autovettura e dietro di lui qualcuno suonava insistentemente il clacson. Per rispondere alla pressante sollecitazione sonora il signor Nocco, con un

Continua a leggere

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV