Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Home a buon diritto

Chi guadagna con i centri di detenzione per i migranti in Europa

Chi guadagna con i centri di detenzione per i migranti in Europa

Internazionale, 13 giugno 2017

di Annalisa Camilli

Si discute spesso del cosiddetto business dell’accoglienza dei migranti, ma si parla meno dei costi di gestione dei centri in cui i migranti sono detenuti per essere identificati o espulsi. Secondo l’ultimo rapporto dell’organizzazione europea

Continua a leggere

Da che parte dell'umanità vogliamo stare?

Da che parte dell'umanità vogliamo stare?

L'Huffington Post, 08-06-2017

P. Camillo Ripamonti
Presidente Centro Astalli

I molti perché di “Ero straniero. L’umanità che fa bene”

Siamo ormai a un mese dal lancio della campagna Ero straniero. L'umanità che fa bene e più si va avanti più ci si convince della necessità e della bontà di questa

Continua a leggere

Ogni cella ha la sua pena e a decidere è il direttore

Ogni cella ha la sua pena e a decidere è il direttore

Il Manifesto, 31 maggio 2017

di Patrizio Gonnella

Le loro carceri. Regole che cambiano di istituto in istituto a seconda dell’amministrazione penitenziaria. A Novara, a lungo, i pacchi portati dai parenti potevano contenere cibo solo se con vestiti, in ugual peso. Nessuna norma vieta ai reclusi di

Continua a leggere

Dietro il no alla cannabis classe politica arretrata

 Dietro il no alla cannabis classe politica arretrata

La Nuova Sardegna, 31 maggio 2017

di Paolo Zedda*

La Sardegna sarebbe davvero il luogo ideale per attivare un progetto autonomo di legalizzazione e regolamentazione del mercato.

Ho letto su La Nuova Sardegna che sarebbe stato un errore politico non accettare la mediazione sulla mozione per

Continua a leggere

Torture, stupri, pestaggi ed elettroshock: la vita di inferno dentro i "mezra", lager per i migranti

Torture, stupri, pestaggi ed elettroshock: la vita di inferno dentro i

L'Espresso, 29 maggio 2017

di Giovanni Tizian

La parola in arabo vuol dire magazzini: sono i luoghi in Libia dove i trafficanti ammassano le persone che cercano di arrivare in Europa. Ecco cosa racconta chi è sopravvissuto all'orrore

I trafficanti li chiamano “mezra”. Magazzini, in arabo. Spesso

Continua a leggere

Citrino visual&design Studio  fecit in a.d. MMXIV